martedì 27 dicembre 2011

NATALE......E' VITA

QUELL’ALBERO DI NATALE
C’era una volta un paese . A prima vista sembrava un paese come tutti gli altri: c’erano delle case, la piazza, una chiesa, una fontana…La cosa strana  era che gli abitanti di quel paese erano tutti felici. Ma qual era il loro segreto? Dovete sapere che in quel paese c’era un albero, un abete alto , maestoso.

Era un albero speciale: gli abitanti di quel paese, quando sentivano la tristezza nel loro cuore, uscivano di casa e legavano i loro tristi pensieri a un ramo del grande albero. Così se ne liberavano e tornavo ad essere felici!
Infatti ogni notte nella piazza del paese arrivava qualcuno..Per esempio, un bambino diceva: ”Mi sento infelice perché ho litigato col mio amico più caro: non riesco neanche a dormire..Caro abete prendi tu la mia tristezza…”


Poi arrivava una signora anziana:”Ah che tristezza! Vorrei tanto qualcuno che mi volesse bene..ma sono sola e non trovo nessuno che mi fa compagnia. Ti prego aiutami tu!”
Ogni notte all’albero si aggiungevano nuove tristezze… …paure… desideri insoddisfatti e  i suoi rami si riempivano sempre di più….


E’ la notte di Natale, una dolce musica si spande su tutto il paese……e come per magia, tutte le tristezze, le paure , i desideri insoddisfatti si trasformano in luci colorate e l’albero si trovò vestito a festa!!!

Il mattino dopo, quando gli abitanti si svegliarono, una grande sorpresa li attendeva. L’abete era diventato    bellissimo, con un meraviglioso vestito colorato e lucente.
“E’ Natale ! E' Natale.....” tutti gridarono in coro: L’albero era felice e faceva brillare tutta la piazza del paese con la sue luci e stelline dai mille colori.



                                  Ma la storia non finisce qui…anzi….

Vicino a quel paese c’era un bosco con tanti abetini che non vedevano l’ora di diventare come l’abete speciale……


e in particolare ce n’era uno che provava invidia per tutti gli altri alberi del bosco, portati via, dai taglialegna.
                          


 Immaginava i loro rami ornati di oggetti scintillanti, di luci e fili dorati, al caldo e al centro dell’attenzione nelle case degli uomini, tutte addobbate a festa.


Ancora non sapeva che questi alberi strappati per sempre dalla loro terra, poco tempo dopo sarebbero morti.
La madre terra, le stelline del cielo, i fiocchi di neve, i bambini e persino Babbo Natale gli fecero comprendere quale fortuna sia per lui, l’essere dimenticato là, sotto il cielo.
Il piccolo abete è ancora vivo, ha le sue radici!
E allora che inizia la sua danza di gioia per la vita, al ritmo del vento, nella bellezza della natura

video

Il piccolo coro il 21 Dicembre si è infine esibito per festeggiare il Natale insieme ai nonnini della casa di riposo Benvenuto Bambozzi




E' una giostra che va questa vita che
gira insieme a noi e non si ferma mai
e ogni volta lo sa che rinascerà
in un fiore ancora vivrà...




Nessun commento:

Posta un commento